istanze di studi demologici sul patrimonio confraternale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

istanze di studi demologici sul patrimonio confraternale

Messaggio  Antonio Sicolo il Mar Mar 09, 2010 1:46 am

Saluto tutti i cultori di questa nobile passione che vede nella Settimana Santa o Maggiore la parte più monumentale del vasto patrimonio demoetnoantropologico erede del nostro sentire la trascendenza, tutto orgogliosamente apulo.
Un saluto al dott. Franco Stanzione (a cui si sottintende un megalitico "complimenti per il sito"): finalmente, dopo quasi cinque mesi dal bell'incontro bitontino durante l'Intorciata della domenica III di Ottobre, riesco ad entrare, seppur virtualmente nella "settimana santa" secondo la coscienza esperta di Franco Stanzione e del suo entourage confraternale. E' veramente lodevole portare sul web tutta la prassi liturgico-cerimoniale e processionale, figlia di remote istanze iberiche controriformate: anche nella mia Botuntum si sta cercando, tramite il canale della webtv, di fornire agli utenti la visione di queste nostre "teofanie" di fede.
Dalla piacevole conversazione, interscambio fruttifico di informazioni confrateranali tra la "spagnolesca" bitonto e "l'elitarissima molfetta", ricordo dell'avvenuto restauro diagnostico conservativo eseguito per le "plasticissime" effigi dei misteri del Purgatorio e a tal proposito mi piacerebbe osservarle da vicino: purtroppo sono a conoscenza dell'ignoranza solita del volgo che non ha apprezzato l'opera avvenuta. In verità io da storico dell'arte, facendo confronto filologico tra l'ante quem e lo status quo post restauro, ho trovato l'aportazione delle pesanti ridipinture superfectate la vera "ancora di salvezza" che ha rivelato tutto il patetismo umanizzato nell'efflatus doloroso plasmato nella cartapesta: è stato fatto veramente un ottimo lavoro!
Mi piacerebbe guardarle de vicino e commuovermi ancora proprio come quando ero infante. Venivo con mio nonno a Molfetta, accompagnando mia madre ad adempiere i suoi doveri di docenza presso il magistrale, e, una delle tante volte, trovai la chiesa del Puragatorio aperta: come vera epifania entrai, dopo aurorale esitazione di timidezza, nel vano buio dove, entro una bachecha con gli infissi di anticorodal dorato (per fortuna oggi è stata sostituita da vero cristallo museale da esposizione), erano custodite le effigi dei misteri. Ricordo questo momento suggestivo come fosse ieri. Dice il grande storico dell'arte Panofsky - "la vera beltà fenomenica che, cela dietro la forma la vera essenza noumenica, è perenne; non è vago rimembrare, ma nitido ricordo" - per essermi rimasto tal nitido ricordo d'infanzia, significa che le immagini esprimono magistralmente quella sensucht artistica.
Sono veramente contento di essere entrato a far parte di questo forum ed auspico un continuo scambio di opinioni.
P.S. aspetto con fervore il venerdì di passione che, come canonico copione standardizzato, ogni anno è così scandito: ore 7.30, risveglio bitontino al rullo funereo del tammurr; ore 9.30, prove del canto della Desolata presso l'ex seminario diocesano (bella performance che crea stato di pia attesa); 10.30, solenne processione diurna della Desolata - alla fine della giornata, dopo una peregrinatio alla Madonn du vind rubensis, concludo questo studio demologico itinerante con la Desolata molfettese, vero sumbolon di mistica compostezza.

A presto,
dott. Antonio Sicolo, segretario dell'Arciconfraternità Maria SS. del Carmelo in Bitonto.

[justify]

Antonio Sicolo

Numero di messaggi : 8
Data d'iscrizione : 08.03.10
Età : 30
Località : Bitonto

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: istanze di studi demologici sul patrimonio confraternale

Messaggio  Franco Stanzione il Mar Mar 09, 2010 4:12 pm

Antonio carissimo, ti ringrazio per i complimenti che mi hai rivolto e per il contributo che con questo post hai già niziato a dare a questo forum.
Non posso più aprirti la chiesa del Purgatorio per farti vedere le statue, non essendo più io il Priore (ora c' è il commissario).
Sono stato vittima di una cattiveria da una parte e della pochezza di qualcuno dall' altra; chi sa i fatti ha già giudicato ... eccome che ha già giudicato.
Ma a parte queste miserie umane, rimane sempre la gratificazione di poter scambiare notizie ed esperienze in questi ambiti a noi cari, tra persone molto più qualificate di tante di quelle che sono stato costretto a frequentare in questi sei anni, per doveri di ufficio.
Da ora in poi le persone con cui interloquire me le scelgo io ... certi accattoni del recente passato, manco voglio vederli più.
Sappi che quelli che sono iscritti a questo forum sono tutte persone selezionate e fidate ... e soprattutto che non separano dalla tradizione intesa in senso antropologico e culturale, quella che è la autentica matrice di esse, la dimensione religiosa senza la quale questi riti non avrebbero più senso.
Lo dicevo da Priore, lo dico ora, diciamo da semplice appassionato e cultore di queste tradizioni: se si perdono di vista Gesù Cristo e la Madonna, in fondo a tutto, si rischia di trasformare queste cose tanto amate in mere illusioni buone solo a far passare meno noiosamente il tempo.
Spero di vederti più spesso qui e che da ora in poi inizi una nuova "stagione" per questo forum.


Ultima modifica di Franco Stanzione il Dom Mar 14, 2010 5:20 pm, modificato 1 volta

_________________
Il BLOG: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Il SITO: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

"Siano volti in fuga ed arrossiscano
quanti vogliono la mia rovina."
(Salmo 70,3)
avatar
Franco Stanzione
Admin

Numero di messaggi : 135
Data d'iscrizione : 18.06.09
Età : 61
Località : Molfetta

Vedi il profilo dell'utente http://lamiasettimanasanta.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: istanze di studi demologici sul patrimonio confraternale

Messaggio  damiano il Dom Mar 14, 2010 4:29 pm

se si perdono di vista Gesù Cristo e la Madonna, in fondo a tutto, si rischia di trasformare queste cose tanto amate in mere illusioni buone solo a far passare meno noiosamente il tempo.
Sante parole!!!!

damiano

Numero di messaggi : 12
Data d'iscrizione : 23.08.09
Età : 51
Località : molfetta

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: istanze di studi demologici sul patrimonio confraternale

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum